Nella parte precedente abbiamo visto che RGB non è uno spazio colore, ma un modello colore da cui sono stati creati alcuni spazi colore particolarmente utilizzati in fotografia. 

Il primo e più famoso è l’sRGB, nato nel 1996 per essere utilizzato (e riproducibile) nei monitor CRT dell’epoca. Quindi lo spazio sRGB ha il gamut, i primari e il bianco simili a quelli di un monitor CRT “medio” (per la spiegazione dei termini utilizzati vedere qui). Per questo motivo viene assunto come spazio base per lo scambio di dati in ambienti dove la gestione del colore non è implementata. Quando i monitor erano CRT spesso non era necessario fare una conversione di colore dall’immagine al monitor perché sRGB e spazio del monitor erano molto simili. Per gli LCD, oggi, il discorso è diverso, e una conversione deve essere comunque fatta, ma viene fatta di default dal monitor stesso.

In pratica l’sRGB è il miglior compromesso quando si vuole far vedere un’immagine ad un pubblico variegato, con device diversi e scarsamente o per nulla calibrati. Non per niente è lo spazio colore usato nel Web, anche se può “codificare” un numero di colori abbastanza esiguo, contenendo solo circa il 30% di quelli rappresentabili nel CIE LAB.

Confronto tra le sumature colore riproducibili sa sRGB ed AdobeRGB

Confronto tra le sfumature colore riproducibili da sRGB ed AdobeRGB

Un po’ più esteso dell’sRGB è l’AdobeRGB, sviluppato dalla Adobe Systems nel 1998 con l’obiettivo di rendere secondo il modello RGB i colori stampabili dalle stampanti CMYK. Contiene circa il 50% dei colori rappresentabili dallo spazio CIE LAB. La maggior parte dei monitor e degli schermi non è comunque in grado di mostrare quel 20% di differenza tra AdobeRGB e sRGB, e questo spiega perché l’AdobeRGB è largamente meno diffuso.

Parliamo anche di un altro spazio colore molto usato in fotografia: il ProPhotoRGB. Sviluppato originariamente dalla Kodak, può rappresentare il 90% dei colori CIE LAB ed il 100% di quelli effettivamente visibili dall’occhio umano. E’ quindi uno spazio colore estremamente valido ed utilizzabile in fotografia anche per gli usi più professionali.

Spazio Colore ProPhoto RGB

 

Non a caso ProPhotoRGB è anche lo spazio colore usato internamente da Adobe Lightroom per la gestione interna delle immagini.

Una domanda che spesso viene fatta a questo punto è: ma le immagini della nostra fotocamera che profilo colore hanno? Se scattiamo in JPEG su quasi tutte le macchine possiamo decidere tra sRGB e AdobeRGB, mentre se scattiamo in RAW non ha senso parlare di profilo colore, in quanto si tratta di dati grezzi. In questo caso infatti il profilo viene interpretato ed iniettato dallo sviluppatore RAW.

Vuoi aiutare coloreDigitale.net senza spendere un centesimo? Acquista su Amazon.it usando il nostro link. Grazie!!!

Restiamo in contatto

Seguici su Telegram: http://t.me/coloredigitale
Iscriviti alla pagina facebook: http://facebook.com/pg/coloredigitale
Seguici su Twitter: https://twitter.com/coloredigitale

Dubbi? Domande? Suggerimenti? Contattami