Fan Ho è un fotografo cinese poco conosciuto in Italia ma che, grazie al suo stile che mescola realtà ed astrazione, vale la pena essere conosciuto e studiato. Nato a Shanghai nel 1931 a 17 anni si trasferisce ad Hong Kong a causa della deriva comunista della Cina. In quel periodo infatti la città era controllata dal Regno Unito, ed era la meta di tanti profughi cinesi. La famiglia di Fan Ho era agiata, quindi non ebbe i problemi di tanti altri profughi ma, anzi, potè dedicarsi alla sua passione: la fotografia. Della travagliata situazione politica degli anni 50 e 60, della disperazione, del tumulto sociale però non c’è alcun riferimento nelle sue immagini che invece, grazie ai giochi di luce e alla scelta del momento, sono un misto tra realtà ed astrazione, e si trovano quasi fuori dal tempo. Fan Ho ha sapientemente usato le linee, la geometria, le ombre per creare costruzioni geometriche fortemente evocative. Le composizioni sono curatissime, e la scelta del momento decisivo di Bressoniana memoria è qui ad uno dei punti più alti
“Prima devi trovare la location ideale. Poi devi essere paziente ed attendere il soggetto giusto capace di suscitare il tuo interesse, anche semplicemente un gatto per esempio. Devi essere capace di cogliere l’attimo in cui  lo spirito, l’essenza, l’anima del soggetto si rivelano.. Se quell’attimo non arriva, devi aspettare la sensazione giusta. E’ un lavoro creativo, perche’ quella sensazione la devi avere dentro”
Fan Ho ha lavorato molto anche nel campo del cinema, e questo si vede molto nelle sue immagini. La sua vera passione è però sempre stata la fotografia, come ci dice lui stesso:
“Il cinema e’ il mio lavoro, la fotografia la mia passione. Preferisco la fotografia perchè mi lascia più libertà di espressione, non ho la pressione del pubblico e dei botteghini”
Nel corso del tempo Fan Ho, che ha sempre lavorato in bianco e nero, ha ripreso in mano i propri negativi e creato nuove immagini sovrapponendone manualmente due, per creare nuove ed interessanti atmosfere.
“Ho cercato di usare i miei vecchi negativi ma valutarli diversamente proprio perché le fotografie rimangono ferme, ma il mondo si muove e continua a cambiare. Tutto cambia”
Fan Ho morirà ad 84 anni, nel 2016.