Abbiamo già incontrato lo spazio colore LAB nel mini corso di gestione colore, ma senza soffermarci troppo su di esso. Cerchiamo di conoscerlo meglio.

Rappresentazione dello spazio colore CIE LAB

L’importanza dello spazio LAB è notevole, anche se pochi se ne rendono pienamente conto.

Si tratta di uno spazio colore assoluto, ossia:

  •  non dipendente dalla periferica attuale
  • consente di rappresentare la totalità teorica dei colori visibili all’occhio umano

LAB viene  usato “dietro le quinte” da praticamente tutti i programmi di fotoritocco (Photoshop compreso) quando effettuano una conversione tra spazi colore. Infatti la conversione necessita di uno “spazio neutro” indipendente dalle periferiche abbastanza ampio da contenere tutte le informazioni.

Come abbiamo già visto, i canali LAB rappresentano:

  • L la luminosità
  • A dal verde al rosso
  • B dal blu al giallo

Rappresentazione grafica dei canali LAB

In pratica i canali A e B definiscono precisamente il colore (nota che a=0 e b=0 rappresentano infatti un grigio) , mentre il canale L la luminosità.

Il nero quindi è definito come 0,0,0 e il bianco come 100,0,0

Avere un canale separato per la luminosità è, inoltre, molto utile per diverse operazioni avanzate di Photoshop, come vedremo in articoli separati dedicati alle tecniche avanzate di post produzione. Una spiegazione molto comprensibile su questo metodo la si trova sul canale YouTube di Emanuele Brilli Photoshop and Photography, che ti consiglio di guardare con attenzione

Approfondimenti teorici: wikipedia.

Vuoi aiutare coloreDigitale.net senza spendere un centesimo? Acquista su Amazon.it usando il nostro link. Grazie!!!

Restiamo in contatto

Seguici su Telegram: http://t.me/coloredigitale
Iscriviti alla pagina facebook: http://facebook.com/pg/coloredigitale
Seguici su Twitter: https://twitter.com/coloredigitale

Dubbi? Domande? Suggerimenti? Contattami