Nel mese di maggio abbiamo visto come i diversi sviluppatori RAW gestiscano i file Fujifilm. La conclusione, per me, è stata che per le mie personali esigenze Lightroom (in qualche caso coadiuvato da Iridient X-Transformer) andava più che bene. Tuttavia la mossa di Adobe di rinominare Lightroom in Lightroom Classic e creare una sottoscrizione solo cloud mi ha fatto riflettere sulla possibilità di trovare un’alternativa nel lungo periodo. Ecco quindi un nuovo test aggiornato e le mie impressioni.

NOTA: in questo articolo confrontiamo gli sviluppatori RAW. Se sei interessato allo sviluppo di un RAW Fujifilm, con e le sue particolarità, usando Adobe Lightroom ti consiglio di leggere questo articolo.

I software che ho testato sono i seguenti:

SoftwareVersionePrezzoSito Internet
Lightroom Classic7.012,99/meseAdobe
Affinity Photo1.054,99 euroSerif
Capture One11 Beta2279 euroPhase One
Skylum Luminar2018 Beta59 euroMacPhun
On1 Photo RAW 20182018 Beta79,99 USDOn1
Raw Therapee5.3Open SourceRawTherapee
X Transformer1.039 USDIridient

Descrizione del test

Per questa prova ho aperto un file RAF della Fuji XT-1 a 200 ISO con i vari software ed esportato il risultato come file JPEG qualità 80%, senza effettuare alcun intervento di sviluppo. Questo in quanto volevo vederne il comportamento out-of-the-box, senza dover modificare le impostazioni. Ho scelto come esportazione il JPEG 80% in quanto ero interessato a verificare il comportamento in una situazione di reale utilizzo e condivisione.

Innanzitutto voglio sottolineare come i diversi software abbiano generato file di dimensioni estremamente differenti anche se impostati in modo uniforme: si va dai circa 1,5MB del Jpeg Luminar ai 3,6MB di Xtransformer. Ipotizzo si tratti di un differente algoritmo di compressione e/o di presenza o meno di dettagli fini, nonchè del fatto che le dimensioni in pixel delle immagini differiscono: da prove effettuate credo si tratti di come i software modifichino l’immagine per compensare la distorsione dell’obiettivo (un Fujinon 18mm). Se hai una spiegazione diversa scrivimi via email oppure sul canale Telegram per favore.

La foto usata è la seguente:

La fotografia usata per il test

Se, dopo aver letto le mie impressioni, ti interessa fare qualche verifica personale, in fondo all’articolo trovi una tabella con tutti i file a dimensione reale da scaricare.

Lightroom Classic

E’ Lightroom che tutti conosciamo, quello che fino al mese scorso era conosciuto come Lightroom CC.

Il motore di demosaicizzazione non è cambiato, e le performance sui file Fuji sono esattamente quelle indicate in questo articolo. Visto che è il software che attualmente uso (che probabilmente usi anche tu) i diversi altri contendenti sono messi a confronto con questo prodotto.

Affinity Photo 1.6

Il software di Serif non è un vero sviluppatore RAW (mancano ad esempio tutte le parti DAM, ossia di catalogazione), ma visti i rumors che vedono l’azienda al lavoro su un vero concorrente di Lightroom ero curioso di vedere come Affinity si comportava nella gestione dei RAF.

Lightroom – Affinity: un particolare con zoom 100% – Clicca per aprire l’immagine in dimensioni reali

La differenza è evidente: Lightroom ha molto più dettagli e l’immagine risulta nel complesso meno “impastata”. Trovo quindi Affinity ancora acerbo per essere usato come sviluppatore RAW.

Capture One 11 Beta 2

Da poco è uscita la Beta 2 del nuovissimo Phase One Capture One versione 11. Anche in questo caso non ho notato particolari differenze nella demosaicizzazione rispetto alla versione precedente (la 10). Il risultato confrontato con Lightroom è il seguente:

Lightroom – Capture One: un particolare con zoom 100% – Clicca per aprire l’immagine in dimensioni reali

Qui le differenze sono molto più sottili rispetto ad Affinity, ma nel complesso la resa di Capture One direi essere ancora superiore di un buon margine. Notare poi come anche il cielo sia reso meglio dal software Phase One.

Luminar

[Aggiornamento Dicembre 2017: la versione 2018 di Luminar cambia notevolmente quanto verificato in questo test. Per aggiornamenti vedi questo articolo]

Per il test ho usato la versione Beta per Windows (la versione definitiva non è ancora disponibile nel momento in cui scrivo). Per MacPhun le considerazioni sono le stesse di Affinity: in azienda hanno dichiarato che nel 2018 esce una versione DAM del loro prodotto, quindi vale la pena vedere fin da ora come si comporta la demosaicizzazione targata Luminar. La prima cosa che noto è il tempo di caricamento (quasi infinito!) del file RAF. Già questo mi fa scartare questo software, almeno nello stato attuale. Confrontiamo il risultato:

Lightroom – Luminar: un particolare con zoom 100% – Clicca per aprire l’immagine in dimensioni reali

La differenza è assolutamente evidente. In MacPhun/Skylum devono ancora fare molto lavoro, almeno in ambiente Windows.

On1 Photo RAW 2018 Beta2

Ho usato software On1 fin dalla versione 7, anche se la versione 2017 di Photo RAW l’ho restituita in quanto troppo piena di bachi e quasi inutilizzabile (almeno per me). Al contrario, questa versione 2018 devo dire essere di molto superiore: rapida, utilizzabile e con tutto quanto mi interessa. La proverò meglio nei prossimi giorni (la versione trial dura 60 giorni).

Lightroom – On1 Photo RAW: un particolare con zoom 100% – Clicca per aprire l’immagine in dimensioni reali

La resa del RAF è molto buona: ci sono molti dettagli (in numero maggiore di Lightroom) anche se il microcontrasto è a mio parere troppo forte ed evidente (guarda il contorno tra il tetto ed il cielo). Ad una prima prova non ho trovato come ridurre questo microcontrasto (era tutto a zero) ma devo verificarlo meglio prossimamente in quanto i risultati sono promettenti.

RawTherapee

Parlare di RawTherapee è molto più complicato, non solo perchè si tratta dell’unico software gratuito (è open source) ma anche perchè è quello con più impostazioni e più opzioni che abbia mai visto. Ho fatto come per gli altri prodotti (apertura RAF e subito esportazione) tuttavia RawTherapee applica di default la correzione automatica, generando per il file di test un file molto sottoesposto.

Lightroom – RawTherapee: un particolare con zoom 100% – Clicca per aprire l’immagine in dimensioni reali

A parte la sottoesposizione il risultato di RawTherapee è veramente notevole! Molti dettagli e una “croccantezza” interessante. Peccato per le aberrazioni cromatiche evidenti. Questo software va sicuramente approfondito.

X Transformer

X Trasformer è un altro caso particolare: non è un software a se stante ma lavora insieme a Lightroom trasformando il RAF in DNG. Quindi non può sostituire Lightroom, ma visti gli ottimi risultati nel test precedente ho deciso di includerlo anche qui. Il risultato è di sicuro notevole:

Lightroom – X Transformer: un particolare con zoom 100% – Clicca per aprire l’immagine in dimensioni reali

Ulteriori Confronti

Finito questo test ho fatto qualche ulteriore confronto usando altre parti dell’immagine. Ecco i risultati senza alcun particolare ordine

Capture One – Luminar: un particolare con zoom 100% – Clicca per aprire l’immagine in dimensioni reali

Capture One – On1 Photo RAW: un particolare con zoom 100% – Clicca per aprire l’immagine in dimensioni reali

On1 Photo RAW – X Transformer: un particolare con zoom 100% – Clicca per aprire l’immagine in dimensioni reali

Una nota su RawTherapee: come detto in automatico applica delle correzioni. Ho quindi creato un secondo file JPEG riportando manualmente tutto a zero, che puoi scaricare dalla tabella in fondo all’articolo. Non mi sembrava giusto includerlo nel test iniziale in quanto, come detto, qui volevo confrontare il comportamento out of the box senza alcun intervento manuale. In un prossimo futuro vedrò tuttavia di approfondire la questione, in quanto RawTherapee mi pare in assoluto il software più promettente del lotto.

Conclusioni

A mio giudizio l’accoppiata Lightroom+X Transformer è ancora insuperabile. Tuttavia sono intenzionato ad approfondire sia On1 Photo RAW 2018 che, soprattutto, RawTherapee. In particolare il software Open Source ha una potenza esagerata e, anche se inizialmente difficile da usare, può generare file di assoluta qualità.

File Dimensioni Reali

Se ti interessa da qui puoi scaricare i file JPEG nella dimensione reale.

SoftwareDimensione FileScarica
Lightroom Classic3,06MBScarica
Affinity Photo1,88MBScarica
Capture One 112,99MBScarica
Luminar1,49MBScarica
On1 Photo Raw 20182,35MBScarica
RawTherapee2,32MB
2,47MB
Scarica File1
Scarica File2
XTransformer3,6MBScarica

Nota Importante

Questo articolo non vuole in nessun modo spingerti ad usare o ad acquistare un software piuttosto che un altro. Riflette solo il mio pensiero relativo alla situazione testata. Anche se sono iscritto al programma di affiliazione Skylum (motivo per il quale riesco a scontare Luminar a chi volesse eventualmente acquistarlo) nessun articolo del sito è sponsorizzato o falsato nelle conclusioni.

Sconto Luminar

Sei interessato ad acquistare Luminar 2018? In fase di acquisto usa il codice coupon "COLOREDIGITALE" per avere 10 euro di sconto immediato.
Informazioni - Acquista

Restiamo in contatto

Seguici su Telegram: http://t.me/coloredigitale
Iscriviti alla pagina facebook: http://facebook.com/pg/coloredigitale
Seguici su Twitter: https://twitter.com/coloredigitale

Dubbi? Domande? Suggerimenti? Contattami

Pin It on Pinterest